Jacopo Stoppa, Giovanni Agosti

Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari - Guida alla visita

Guide
2018, 64 pp., 46 a colori
Brossura, 17x18,5 cm
ISBN: 9788833670027

€ 8,00  € 7,60
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Quarta

Finalmente una grande mostra su Gaudenzio Ferrari (Valduggia, documentato dal 1507 – Milano, 31 gennaio 1546), un artista che nel Cinquecento venne ritenuto – insieme a Mantegna, Michelangelo, Polidoro da Caravaggio, Leonardo, Raffaello e Tiziano – uno dei sette «Governatori» nel «Tempio della Pittura» e che in Piemonte ma anche in Lombardia (Milano, Saronno e la Valtellina) segna uno dei punti più alti della pittura della prima metà del Cinquecento. L’esposizione coinvolge tre città del Piemonte – Novara, Vercelli e Varallo Sesia – estendendosi in chiese ed edifici delle città e del territorio, dove sono presenti affreschi e altre opere del Maestro. Sulla traccia delle sezioni della mostra, i lettori dell’Albumpotranno ritrovare a un modico prezzo le opere esposte più emblematiche: sarà possibile seguire l’intero percorso dell’artista, dalle ricerche giovanili a Varallo ai più rassicuranti quadri della maturità a Vercelli, fino gli anni estremi a Novara dove il pittore è soprattutto attivo sulla scena milanese tra la marea montante del Manierismo.

Jacopo Stoppa

Autori

Jacopo Stoppa
è professore associato di Storia dell'arte moderna all’Università degli Studi di Milano. Studioso della pittura lombarda del Seicento e della scultura rinascimentale lombarda, è autore della monografia di riferimento sul Morazzone (5 Continents, Milano 2003). Tra le varie collaborazioni alla realizzazione di mostre, la co-curatela dei cataloghi di Bramantino a Milano (2012), di Bernardino Luini e i suoi figli (P2014), e de Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari (2018), Fede Galizia (2021).

Giovanni Agosti
è professore ordinario di Storia dell’arte moderna all’Università di Milano, curatore della grande mostra parigina su Mantegna al Louvre (più di 300.000 visitatori) insieme a Dominique Thiébaut, oltre che della milanese su Bernardino Luini (Bernardino Luini e i suoi figli, Officina Libraria, Milano 2014), con Jacopo Stoppa e l’allestimento di Piero Lissoni. Tra le sue fondamentali pubblicazioni sull’arte del Rinascimento ricordiamo Bambaia e il classicismo lombardo (Einaudi, Torino 1997) e Su Mantegna, I (Feltrinelli, Milano 2005), vincitore del premio Viareggio e oggi alla sua quarta ristampa; alla lunga decadenza culturale della sua città ha dedicato il pamphlet critico Le rovine di Milano (Feltrinelli, Milano 2011). Vedi tutte le pubblicazioni dell'autore.