Lilia Zaouali

La grande cuisine arabe du Moyen Âge


2010, 2010 • 208 pp. • brossura • 14,5 x 21 cm • 32 tavv. a colori
978-88-89854-53-2

Lingua: francese

In commercio in Francia e nei paesi francofoni. L’edizione italiana del volume è pubblicata da Laterza, Bari-Roma

Vincitore in Francia del Premio della Letteratura Gastronomica dell'Accademia Internazionale della Gastronomia
ISBN: 9788889854532

€ 18,00  € 17,10
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Quarta

La grande cuisine arabe du Moyen Âge

Livre d'histoire et de recettes

 

Lilia Zaouali

 

La grande cuisine arabe du Moyen Âge, pubblicata nel 2004 in Italia col titolo L’islam a tavola dal medioevo a oggi per l’editore Laterza, è la storia di un incontro e di una nascita: l’incontro tra le cucine dei popoli conquistati dall’islam, e la nascita di una cucina, tutta ricerca e creatività, stimolata dalla vivacità di una società medievale multiculturale. Questo viaggio nell’universo delle delizie dell’Oriente comincia con l’epoca d’oro della cucina araba, nel IX secolo, grande momento di formazione e di codificazione di una «nouvelle cuisine» nei palazzi dei califfi abbasidi, in Iraq. Prosegue in Siria, in Egitto e in Andalusia, attraverso la lettura (e la realizzazione) dei libri di cucina scritti tra il X e il XIII secolo, tra i quali il più antico è il Kitâb al-tabîkh di Ibn Sayyâr al-Warrâq.

Questo libro offre un racconto storico documentato ricco di aneddoti e citazioni letterarie. Risalendo alle tavolette culinarie babilonesi e al trattato del gastronomo romano Apicius, si scoprono quelli che sembrano essere gli antenati delle ricette arabe medievali come le salse agrodolci o coi frutti secchi, e il murrî di pesce, che altro non è che il garum romano. A partire dall’epoca abbaside, il gusto evolve, sballottato tra la sobrietà dettata dalla tradizione beduina e il fasto della cucina persiana. Questi nuovi sapori creati e codificati nelle cucine di Bagdad circolano dall’Oriente all’Occidente musulmano, arricchendo i patrimoni culinari regionali che saranno salvaguardati nei libri di cucina redatti nel corso del XIII secolo in Siria, in Egitto e in Spagna. Sono inoltre affrontati i modi di cottura, le spezie e i condimenti, le regole di igiene alimentare, le maniere a tavola, gli utensili e le stoviglie, i consigli per la degustazione del vino.

Si passa poi alla pratica con una selezione di 145 ricette medievali tradotte dall’arabo (inedite in francese) e seguite da commenti; tra le più interessanti, delle ricette attribuite al principe abbaside Ibrahim Ibn al-Mahdi (779-839) come il «Pesce affogato nel succo d’uva». I sapori dolci e agrodolci dominano, nella «Muruziyya alle ciliegie», nel pollo ai frutti secchi e latte di mandorla, nell’orata al miele e marmellata d’uva, ma ci sono anche le minestre, il couscous, la pasta, il riso, le frittate, i dolciumi e le bevande dolci, così come delle ricette per fare il formaggio e il vino. Infine, una trentina di ricette contemporanee rievocano lo spirito dei sapori medievali.

Vedi la scheda dell'autrice

Lilia Zaouali