Italy & Hungary

Humanism and Art In The Early Renaissance

A cura di Péter Farbaky, Louis A. Waldman

Villa i Tatti Series, 1
2011, 730 pp., 250 a colori e b/n
17x24
ISBN: 9788889854785

€ 60,00
  • Non disponibile Non disponibile Non disponibile
Quarta

Verso la fine del XV secolo il Regno di Ungheria, grazie al suo re, Mattia Corvino, e agli umanisti di corte János Vitéz e Giano Pannonio, fu la prima nazione, al di fuori dell’Italia, ad abbracciare le arti e il pensiero rinascimentali. Mattia creò una delle più famose biblioteche del mondo occidentale, la Bibliotheca Corviniana, la cui importanza era superata solo dalla Biblioteca Vaticana. La corte fu frequentata da diversi umanisti italiani e, grazie all’amicizia che lo legò a Lorenzo il Magnifico, Mattia ottenne i servizi di grandi artisti fiorentini quali Andrea del Verrocchio, Benedetto da Maiano e Filippino Lippi. Dopo la morte di Mattia nel 1490, l’interesse per l’arte rinascimentale fu portato avanti dalla vedova, la napoletana Beatrice d’Aragona, e dai suoi successori Ladislao II di Boemia e Ungheria e Luigi Jagiello. I ventuno saggi contenuti in questo volume, pubblicato in coedizione con il prestigioso Harvard University Center for Italian Renaissance Studies di Villa I Tatti, presentano una scelta aggiornata della più recente ricerca sullo sviluppo dell’umanesimo e dell’arte rinascimentale nell’Ungheria di Mattia Corvino e dei suoi successori. Le numerose illustrazioni che corredano il volume documentano eloquentemente il ruolo della corte ungherese nella storia della Rinascenza in Europa.

Allegati
  • Scarica la scheda PDF Scarica la scheda PDF Scarica la scheda PDF
Indice

Contents

XI Joseph Connors Foreword

Péter Farbaky and Louis A. Waldman XXIII Introduction

The Study of the Hungarian Early Renaissance in Humanism and Art

Ernő Marosi

5 Risorgimento e rinascimento in Ungheria

László Szörényi

45 Introduzione alla recente storiografia sul rinascimento in Ungheria

Gyöngyi Török

Jolán Balogh: The Founder of Research into the 55 Hungarian Renaissance

Péter Farbaky

73 Recent Research on Early Renaissance Art in Hungary

The Flow of Ideas: Exchanges and Encounters in Literature and Humanism

Klára Pajorin

L’ influsso del Concilio di Basilea sull’Umanesimo in Ungheria.

97 I primi contatti degli Ungheresi con gli umanisti greci

Valery Rees

127 Marsilio Ficino and the Rise of Philosophic Interests in Buda

Ágnes Ritoók-Szalay

151 Andrea Mantegna e Giano Pannonio

Sándor Bene

Where Paradigms Meet: The Theology of Political Virtues

173 in Andreas Pannonius’ Mirrors for Princes

László Jankovits

217 Jacobus Piso, a Hungarian Humanist in Rome

Matthias Corvinus and His Court: The Library, the Residences, and the Artists

Angela Dillon Bussi

Le biblioteche di Mattia Corvino e di Lorenzo il Magnifico:

Confronti e tangenze (con alcune note sulla ritrattistica

231 laurenziana e corviniana)

Jonathan J. G. Alexander

267 Francesco da Castello in Lombardy and Hungary

Mária Prokopp

Gli affreschi quattrocenteschi dello Studiolo del Primate del Regno d’Ungheria a Esztergom:

293 Una nuova attribuzione

Zsuzsanna Wierdl

Nuovi risultati sul restauro degli affreschi quattrocenteschi

317 dello Studiolo del Palazzo Arcivescovile di Esztergom

Péter Farbaky

Florence and/or Rome? The Origins of

345 Early Renaissance Architecture in Hungary

Gergely Buzás

The Royal Palace in Visegrád and the Beginnings of

369 Renaissance Architecture in Hungary

Árpád Mikó

409 Beatrice d’Aragona e il primo Rinascimento in Ungheria

Louis A. Waldman

Commissioning Art in Florence for Matthias Corvinus:

The Painter and Agent Alexander Formoser and His Sons,

427 Jacopo and Raffaello del Tedesco

Sculpture at the Court of Buda: Art, Antiquity, and Political Ideals

Francesco Caglioti

Andrea del Verrocchio e i profili di condottieri

505 antichi per Mattia Corvino

Dániel Pócs

White Marble Sculptures from the Buda Castle:

Reconsidering Some Facts about an Antique Statue and a

553 Fountain by Verrocchio

Alfredo Bellandi

L’attività dello scultore Gregorio di Lorenzo per Mattia Corvino e due episodi sulla fortuna del Rinascimento nel collezionismo ungherese. Il San Giovannino e un Salvatore coronato di spine al Museo di Belle Arti

611 (Szépművészeti Múzeum) di Budapest

Johannes Röll

Giovanni Dalmata at the Court of

645 Matthias Corvinus in Hungary

Louis A. Waldman

Jagiellonian Epilogue: Three Tuscan Painters

677 in the Buda of Louis II

695 General Bibliography

703 Photo Credits

711 Index