Kathrin Schärer

Una notte da... leprotti

LO editions
2016, 32 pp.
20,7x27,4
ISBN: 9788897737841

€ 14,00
  • Non disponibile Non disponibile Non disponibile
Quarta

Che dare la buonanotte sia una faccenda seria, con i suoi riti e i suoi tempi, i genitori lo sanno bene: Kathrin Schärer, moderna Esopo, lo spiega a una volpe non proprio ben disposta in questa divertente storia... della buonanotte. Cosa succede quando un giovane leprotto ha perduto la via di casa e nella notte una volpe affamata gli si avvicina di soppiatto a fauci spalancate? Si danno la buonanotte! Così dice il leprotto al predatore interdetto, perché si trovano in un posto speciale: quello dove volpi e lepri, appunto, si danno la buonanotte. Ma se la volpe pensa di cavarsela con un «dormi bene... e gnam!» si sbaglia di grosso: per una vera buonanotte, spiega il leprottino alla volpe sempre più scocciata, ci vuole il racconto di una storia e poi bisogna che gli rimbocchi le coperte. Accompagnare l’ingenuo nella sua tana e dare così la «buonanotte» anche al resto della famiglia è una prospettiva che fa leccare i baffi alla volpe, che ritrova così la strada di casa perduta… Ma la tana è vuota e alla volpe tocca ora cantare una ninna nanna tenendo il cucciolo per una zampina… «nonna nanna ninna oh, questo leprotto a chi lo do…» Quando mamma e papà leprotto rientrano, trovano la volpe sfinita addormentata accanto al loro piccolo: papà leprotto è pronto a colpirla con un matterello, ma questa è una notte speciale, interviene il leprottino: quella dove lepri e volpi si danno la buonanotte... Un libro per augurare la buonanotte a leprotti più astuti delle volpi!

Autore

Kathrin Schärer
Classe 1969, è diplomata all'Accademia di Arte e Design di Basilea. Ha illustrato più di una dozzina di libri (di grande successo la sua collaborazione con Lorenz Pauli) e di alcuni ha scritto anche il testo. Gli animali, e specialmente i maiali, sono i protagonisti di molte delle sue storie. Nel 2001 ha partecipato come illustratrice alla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna e nel 2010 è stata tra i finalisti del Deutscher Jugendliteraturpreis (il premio tedesco per la letteratura per ragazzi).